La storia delle briccole

Briccole in laguna

Geawood: una missione ambientale oltre che artistica

Le acque della laguna di Venezia nascondono un patrimonio a molti sconosciuto, che la nostra azienda recupera e valorizza, contribuendo nel contempo alla salvaguardia dell’ambiente lagunare.

Geawood si occupa della trasformazione delle briccole esauste, il tesoro nascosto della laguna, la cui bellezza torna a splendere nella nostra produzione, prodotti d’artigianato che raccontano le secolari vicende di una città e di un territorio dal fascino intramontabile.

Una storia millenaria

Venezia e la laguna su cui si affaccia, costellata da isole e piccoli insediamenti umani, sono alcuni dei luoghi più affascinanti del nostro Paese. La loro bellezza onirica e il valore storico di cui sono intrisi hanno ispirato nei secoli l’opera di scrittori, pittori e artisti d’ogni genere, che hanno contribuito a fare di Venezia qualcosa di più di una città: l’hanno trasportata fuori dal tempo e dallo spazio, trasformandola in un mito.

La storia millenaria di questi luoghi iniziò nella preistoria, quando l’uomo si insediò in questo territorio ricco di risorse adatte alla vita, prima fra tutte quella ittica. L’uomo sviluppò quindi un rapporto simbiotico con l’acqua, elemento caratterizzante di questo territorio, su cui pose le proprie imbarcazioni e le sue stesse abitazioni. La palafitta fu l’elemento fondante di questo rapporto col territorio lagunare, che permise ogni successivo sviluppo della vita e della civiltà.

Oggi, dopo oltre un millennio, i fondali della laguna appaiono come un’immensa “foresta”, formata da lunghi pali di quercia e larice, che affondano nel suolo melmoso fino a conficcarsi in uno strato più solido, detto “caranto”. Un particolare ambiente sottomarino dunque, la cui importanza è perfettamente esemplificata dalle famose “briccole”, gruppi di tre pali che nei canali lagunari delimitano le zone navigabili e forniscono una serie di importanti informazioni ai naviganti.

La nostra azienda si occupa del recupero e della valorizzazione delle briccole esauste; il legno di cui sono composte, attaccato da un mollusco che se ne nutre ed impregnato di acqua salmastra, acquisisce negli anni proprietà straordinarie, che ne fanno l’oggetto del desiderio dei più importanti designer del mondo. Ma il valore di questo materiale va ben oltre la sua composizione fisica: recuperiamo dall’acqua un pezzo di storia della laguna veneziana e, attraverso un meticoloso processo di lavorazione artigianale, ne ricaviamo degli oggetti d’arredo che contengono tutta la bellezza e la magia di questo straordinario territorio.