Posa incollata di pavimenti tradizionali

Sul piano di posa si stende il collante idoneo con una spatola a denti triangolari, lavorandolo più volte con ampio movimento a semicerchio, in modo da amalgamare eventuale polvere residua e ottenere le "righe" di colla, seguendo le istruzioni del produttore e rispettando le rese indicate dallo stesso.

L'altezza delle "righe" di colla deve essere proporzionata alla dimensione degli elementi di parquet e alle condizioni del piano di posa, in modo da garantire un completo contatto degli elementi del parquet con lo strato adesivo, tenendo presente che eccesso o difetto di colla possono ugualmente essere causa di difetti. Un contatto dell'adesivo per una superficie pari ad almeno il 50%, regolarmente distribuito, è da ritenersi soddisfacente.

E' consigliabile stendere superfici non troppo estese di colla attenendosi, durante la posa parquet, alle indicazioni di tempo aperto massimo, fornite dal produttore della colla, per evitare il rischio di formazione di "pelle superficiale" che, di fatto, impedisce l'incollaggio.
Si posano gli elementi di pavimento in legno, battendoli e realizzando una prima fila (detta "partenza"), che costituisce "l'appoggio" per le successive file. Si prosegue quindi fino alle pareti perimetrali, lungo le quali occorre lasciare un giunto di circa 10mm, che viene poi copertto dal battiscopa.
Lo scopo di tale giunto, presente lungo tutto il perimetro della stanza ad eccezione della zona in corrispondenza della soglia della porta, è quello di permettere le naturali dilatazioni del pavimento di legno che si manifestano dopo la posa e che sono dovute alla variazione delle condizioni igrometriche della controfaccia degli elementi.

NON SI DEVONO ASSOLUTAMENTE INCOLLARE I FIANCHI degli elementi per permettere, in sede di stabbilizzazione del pavimento, la suddivisione regolare degli eventuali ritiri e per evitare la formazione di fessurazioni evidenti irregolarmente disposte.
E' però necessario "bagnare" di colla le sole teste per prevenire l'eventuale inconveniente della arcuatura longitudinale.